« February 2006 | Main | April 2006 »

March 29, 2006

Pensieri vari

Hi. Ieri sera ho intervistato James Redfield (La Profezia di Celestino – do you remember?). Andrà in onda giovedì durante Rush Hour.

Trovo i suoi pensieri spirituali interessanti pero molto basilari, ossia, se una persona vuole veramente arricchirsi spiritualmente, ci sono tanti profeti e scritti antichi da studiare e conoscere. Non che quello che lui dice non sia vero, anzi, sono d’accordo su alcuni dei suoi concetti – soprattutto quelli sulla sincronicità e causa ed effetto pero trovo che Redfield tratti questi tema con troppa semplicità. E’ proprio un uomo New Age, e la New Age per me è già old. Tu cosa ne pensi?

Una cosa molto positiva che è venuta fuori, grazie anche a lui, è stata la voglia da parte di tante persone di volere crescere spiritualmente e aver più consapevolezza universale.

Sono due giorni che presento Rush Hour da sola. A partire dalla prossima settimana, Barbara Rosseti ed io ci impegneremo a trovare una sostituta per Debora perché ho ideato il programma pensando di farlo in coppia. Da sola mi stanca e mi diverte meno. Perché non c’è più Debora, mi chiedi? Visto che qui cerco di scrivere quello che penso, te lo dico. Non lo so. Nel senso che, se una persona prende un impegno per fare un lavoro, secondo me, l’impegno va rispettato fino alla fine.

Quando ho chiesto a Debora di fare Rush Hour con me, ero consapevole del suo impegno con Camera Café e ho accettato che lei non potesse arrivare sempre alle 17:00. Benissimo. Poi è venuto fuori il lavoro a Glob con Bertolino e per 10 settimane, noi di Rush Hour, abbiamo fatto i salti mortali per farsì che Debora potesse fare anche quello. Glob è andato bene e Bertolino le ha chiesto di partecipare alla prossima edizione (in onda tra poco, credo) e lei ha accettato, mettendo noi, non in secondo piano, ma in decimo. Poi, ho saputo che lei non ha mai firma il contratto con RMC, quindi deduco che sapeva di non volersi legare a noi da tanto tempo.

Il direttore della radio, Stefano, mi ha detto che per certe persone, avere un contratto non cambia niente perché se vogliono andarsene - perché gli conviene - se ne vanno senza farsi problemi. Probabilmente ha ragione, pero mi fa schifo questo tipo di atteggiamento e mi dispiace dirlo, ma è tipico di gente che lavora in televisione. Come avrai capito, non sono una grande sostenitrice della TV in generale. Come dice Grillo, è un mezzo che sta per morire. Il futuro è in internet o nei canali satellitari.

Comunque, il mondo è bello perché è vario e in televisione ci sono delle persone bravissime e professionali, come Fiorello e Chiambretti (che sono nati in radio). Forse è questo il punto, la professionalità. Quando le ho chiesto perché andava via mi ha risposto che doveva pensare a quello che era giusto per lei, quindi, meglio essere poco professionale, mettere in difficoltà noi, pero fare Glob con Bertolino, ossia quello che lei conveniva. Pensa che mi ha anche confessato che a giugno andrà in vacanza perché è stanca. Nel mese di giugno, noi siamo ancora in onda con Rush Hour. Fino alla fine di giugno, inizio luglio. A lei è sembrata una cosa normale. A noi, dico a tutti noi di Rush Hour, no ed è per questo che le abbiamo detto di non tornare neanche per finire il mese di marzo. 

Non fraintendermi, io non dico che il suo lavoro in televisione non sia importante; sta di fatto che abbiamo cercato di lasciarle più libertà possibile, pero, quando ho capito che era lei a dare poca importanza al nostro lavoro perché è ‘solo’ in radio, mi sono arrabbiata e ho detto basta. Ma perché dovrei impazzire e far impazzire lo staff di RMC perché accontentare lei, una persona che non è stata in grado di dire a Bertolino che aveva già preso un impegno con noi, quindi era lui che avrebbe dovuto fare dei salti mortali per averla? (E secondo me lui l’avrebbe fatto perché Debora è molto brava.) Io credo che anche un come Bertolino avrebbe apprezzato la serietà di una persona che dice le cose chiaramente e rispetta tutti gli impegni. 

Stefano Carboni vorrebbe che Debora restasse nel gruppo e mi ha chiesto un consiglio. Gli ho detto che mi sembrava una buona idea. D'altronde, Debora è simpatica e brava quando vuole. Finirà per fare un programma banale, registrato, che andrà in onda il weekend come fanno tutti i personaggi televisivi che pensano di poter fare radio.

Ti sembro arrabbiata, vero? E che, Debora non è mai stata chiara con me, capisci? Io non ho mai veramente capito che se ne stava andando finché non le ho messo le spalle al muro e glielo chiesto direttamente. Perché lei mi dava delle mezze risposte, mezze disponibilità….poi, per la mia mentalità, andare via in quel modo era impensabile.

Spero per lei che Glob di Bertolino e la sua nuova agenzia che le spinge a prendere queste decisioni ‘professionali’ lei portino dove vuole arrivare. Finché incontrerà gente con la stessa mentalità, le andrà sicuramente bene pero per arrivare ai livelli più alti, bisogna essere di un’altra stoffa.

A Rush Hour, non nego che siamo in difficoltà ora perché prima della fine della stagione, ci tocca trovare un’altra partner. Ti rendi conto? Mancano pochi mesi, e Barbara Rosseti ed io dobbiamo fare i provini. E nello stesso tempo, stiamo organizzando Rush Hour Chiama il Mondo in Himalaya, un programma sulle elezioni ed i Mondiali con Chiambretti. (Se Debora fosse rimasta con noi, lei avrebbe giovato di più fare radio con Piero che TV con Bertolino, secondo me. Piero è unico nel suo genere e fa una televisione molto diversa dagli altri. Certo, lui ed io non andiamo sempre d’accordo perché ci conosciamo da troppi anni, pero è sempre un maestro nel suo campo.)

Basta. Scusami se mi sono sfogata con te.

Aiutami a cercare una sostituta per Debora. Io ho deciso che sarà una donna perché mi piace l’idea di lavorare con una donna. Perché gli uomini possono lavorare in coppia e noi donne no? Poi, con Debora ha funzionato. Avevo ragione che due donne insieme possono divertirsi e divertire, quindi perché cambiare?

Se hai qualche suggerimento…..                  

March 29, 2006, at 10:08 AM, in Updates | Permalink | Comments (13) | TrackBack

March 22, 2006

la febbre del calcio!

Grazie a Carlo per questo simpatico video!

Download ilcalciounisce.wmv

March 22, 2006, at 03:43 PM, | Permalink | Comments (2) | TrackBack

March 17, 2006

close to paradise

Sono in un winebar a Chamonix (www.lelapinagile.fr) dopo aver fatto un giro stupendo con le rachette di neve. Stanno suonando la mia compilation e sono collegata per la prima volta via wifi...tra poco, mi poteranno un bel bicchiere di vino rosso...cos'altro potrei chiedere? (ah...last but certainly not least...sono qui con Ismael, mio marito.)

March 17, 2006, at 06:51 PM, | Permalink | Comments (3) | TrackBack

March 16, 2006

The debate...yawn

So, what more can I add? Ho parlato a lungo con i miei ospiti a Rush Hour sul dibattito di martedì sera e la loro sensazione è stata simile alla mia: insoddisfazione totale. E’ stato un dibattito noiosissimo (e non perché non ci fossero le urla o accuse violenti come in una reality come un’ascoltatrice ha suggerito. Io, personalmente, non sopporto quando la gente alza la voce e in casa mia, non succede mai). E’ stato noioso perché non hanno toccato i temi più importanti per noi che andremo a votare. Non c’è stato un coinvolgimento diretto con il popolo italiano. Sembrava di ascoltare due persone tagliate fuori dal mondo che dall’alto verso il basso, dicessero quello che loro faranno, che ci piaccia o no. Mi spiego meglio, invece di parlare con noi, hanno parlato a noi (un dettaglio che ha sottolineato Marco Montemagno durante Blogosfera). Poi, continuavano a parlare di giovani, ma non hanno toccato i temi che sono importanti ai giovani e non si sono impegnati per arrivare ai giovani tramite il mezzo più diffuso dai giovani: internet. Come fai a comunicare con i mezzi che per loro risultano antichi? 

Inoltre, perché non hanno pubblicato i temi principali del dibattito prima della messa in onda? Perché tenere tutto cosi segreto? E’ il nostro diritto sapere il più possibile sul quello che questi signori, che vorrebbero governare il paese, faranno, diranno, etc. E perché non hanno toccato tutti i temi importanti per noi: l’educazione e le scuole, l’immigrazione, le quote rosa, etc. Si, hanno parlato di tasse, etc, pero, come giustamente ha fatto notare Francesco Specchia nella rubrica di Rush Hour Radio Bestiario, hanno parlato solo per chi capisce l’economia usando sigle e numeri talvolta incomprensibili alla gente comune. Non hanno capito che devono smettere di parlare dal pulpito, devono scendere dal piedistallo e convincerci che faranno qualcosa per farci stare meglio. Devono essere uno di noi, non distanti e presuntuosi come se fossero benedetti da Dio.

Sono solo dei politici e sono al nostro servizio e noi dobbiamo fare in modo che ci servano, visto che li paghiamo con le nostre tasse.

Altre due considerazioni: Io, gli avrei dato meno tempo per parlare. Due minuti e mezzo sono troppi. Se hai le idee chiare, riesci ad esprimerti in poco tempo, altrimenti è tutta retorica che rimbambisce la gente.      

Poi, non vi sembrano un po’ vecchi per governare? Non solo di età ma anche di mentalità? Secondo me, ci vorrebbero delle facce nuove, idee nuove.  Poi, mi chiedo, dopo Berlusconi, chi sarà la faccia di Forza Italia? Non mi viene in mente nessuno del suo partito. Sarà perché c’è solo lui?

Dietro Prodi ce ne sono fin troppi a volersi mettere sotto i riflettori.

March 16, 2006, at 11:04 AM, | Permalink | Comments (4) | TrackBack

March 10, 2006

Finale Ligure

Sono a Finale Ligure, nel borgo, e qui è giá primavera. Abbiamo arrampicato tutto il pomeriggio e tra poco andiamo a mangiarci un buon pesce. Che bello! Che posto!

March 10, 2006, at 07:06 PM, | Permalink | Comments (10) | TrackBack

Che schifo 2

Prima di andare via oggi, vorrei rispondere al messaggio di Diego che, aggiungo, è una persona molto sensibile e da rispettare. La notizia dei preti cattolici a Dublino fa scandalo perché oramai non è più un'ipotesi, ossia, la situazione era talmente evidente che la polizia ha obbligato la chiesa di investigare e la chiesa ha ammesso che ci sono delle motivizioni forti per procedere con l'investigazione. Non aveva altra scelta. NON AVEVA ALTRA SCELTA significa che lo sospettavano da tempo. Stiamo parlando do 350 bambini, cazzo, 350, non un caso isolato. Come il bastardo di Bernard Law che il vostro papa ha portato a Roma nonostante questo signore abbia fatto finta di niente mentre quel 'diavolo' di prete, Geoghan, violentasse continuamente bambini. Sai cosa fece Law? Lo spostava da una chiesa all'altra.

E l'arcivescovo in Sud America che l'anno scorsco è stato beccato su un video con un ragazzino? (il corriere della sera ha scritto un ampio articolo sulla faccenda, pero non riesco più a trovarlo). I casi sono fin troppo numerosi ed è sempre peggio perché la chiesa cattolica deve evolversi. Deve accettare l'insegnamento di Martin Lutero quando disse che un uomo di Dio, ossia prete, dovrebbe prendere moglie invece di avere pensieri impuri. Un uomo può continuare ad insegnare la parola di Dio anche se è spostata, anzi, sicuramente meglio perché è CON la donna che l'uomo arrivi ad uno stato più puro (e vice versa). Ghandi aveva capito l'importanza della figura femminile nella spiritualità e cercava di essere più come noi....ESSERE PIù COME NOI, non a fare sembrare che noi donne siamo la causa di tutte le tentazioni.  Mohatma ha capito che unendo le caratteristiche femminili con quelle maschile era l'unico modo per arrivare ad una specie di nirvana sulla terra. E' la donna che ha più capacità di astinenza sessuale (grande dote innata!!!), siamo noi più portate al dialogo (ogni tanto parliamo fin troppo!) quindi siamo noi con un'idea più chiara della pace perché noi diamo vita (altro che costola! che storia schiocca).

I problemi di cui parliamo torna sempre a questo punto....la mancanza della figura femminile, la distorzione dell'immagine della donna, l'esclusione delle donne da certi ambienti che con uno schifoso lavaggio del cervello millenario ci hanno fatto credere esclusivi ai maschi. E' arrivato il momento di svegliarci. Troppi persone dello stesso sesso insieme a prendere decisioni per tutta la communità porterà sempre di più a situazioni estremi e difficili. 

Diego, quando io dico che sono tutti colpevoli, lo dico perché non è mai successo che un prete condannasse un suo fratello prima che venga fuori lo scandalo. Fanno di tutto per nascondere, si salvano a vicenda, preferiscono pagare le loro vittime per farle star zitte. I complici sono quelli che non parlano, quindi sono colpevoli.  Poi, tu dici che bisogna aspettare che ci sia un processo...ma non hai notato che i preti, come i politici, non vengono processati? Sono protetti finché restino con la chiesa. Esempio flagrante: Bernard Law. Torno sempre su questo punto non perché è isolato ma perché è il più recente e è lo scandalo più facile da conoscere.   

Alla fine di tutto, la mia domanda è: Per l'amor di DIO, perché non lasciano che i preti si sposino come in TUTTE LE ALTRE RELIGIONI CRISTIANE?   TUTTE.

March 10, 2006, at 10:29 AM, in Current Affairs | Permalink | Comments (3) | TrackBack

March 09, 2006

Che schifo

Mi è arrivata questa notizia ieri mentre stavo presentando Rush Hour e ho chiamato subito la redazione per dirglielo. Sai cosa mi hanno chiesto? 'E' successo negli Stati Uniti?' Come se i religiosi  'schifosi' abitassero solo là. Vi dico io perché viene fuori spesso negli Stati Uniti, perché la gente lì è abituata a parlare; non esiste l'omertà nella nostra cultura. Prima o poi, tutto viene a galla.

When will it all end? Non sopporto quando mi dicono che non tutti i preti sono cosi, alcuni fanno del bene, etc. Non mi va giù. Ormai queste accuse di pedofilia succedono troppe volte e quando un prete viene condannato, per me sono tutti colpevoli e sapete perché? Perché c'è stata l'omertà. Perché nessuno dei suoi colleghi l'ha denunciato. Sono complici, quindi colpevoli. Tutti.

E Bernard Law? Vi siete informati? Sapete dov'è? 

Solo perché nessuno parla, non significa che non succede niente, anzi...

Da 11 mesi, uno dei giornalisti di RMC sta facendo un'indagine sulla pedofilia nella chiesa cattolica di Roma e ha scoperto tante cose inquietanti. Nessun giornale vuole dargli spazio. Vigliacchi.   

Dirò al collega di aprire un blog......      

March 9, 2006, at 09:47 AM, | Permalink | Comments (5) | TrackBack

March 08, 2006

Buona Festa, Donne!!!!

Ieri hanno chiesto a Debora Villa e me se per noi era importante questa giornata e abbiamo risposto in coro con un forte 'si!'  Ti potrà sembrare strano visto la schiocca immagine che ormai ha preso questa ricorrenza: donne che escono senza mariti, vanno a vedere i spogliarellisti, etc. Pero, è fondamentale (soprattutto per noi donne) ricordare perché si ‘festeggia’ questa giornata. Ed è fondamentale ricordare l’importante ruolo che abbiamo nella società ed il nostro valore. E’ altrettanto importante ricordare che la strada all’eguaglianza è ancora molto lunga e faticosa pero…guardate quanto strada abbiamo già fatto in un solo secolo! E’ comprensibile (ma inaccettabile) che grandi istituzioni governativi e religiosi abbiano timore di noi e che cerchino di lasciarci fuori dalla porta. Noi, il sesso debole. HA! 

Per chi non conoscesse la storia:

L'origine della festa dell'8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York scioperò come forma di protesta contro le terribili condizioni in cui si trovavano a lavorare. Lo sciopero proseguì per diverse giornate ma fu' proprio l'8 Marzo che la proprietà dell'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di uscire dalla stessa. 

Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità del lavoro. Tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane che, come le altre, cercavano di migliorare la loro condizione di vita.

L'8 marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità.


L'8 Marzo è quindi il ricordo di quella triste giornata.

Non è una "festa" ma piuttosto una ricorrenza da riproporre ogni anno come segno indelebile di quanto accaduto il secolo scorso.

   

March 8, 2006, at 09:17 AM, in Politics | Permalink | Comments (1) | TrackBack

March 06, 2006

The Academys

Sono molto delusa dalla nomination di 'Crash' come miglior film dell'anno. Si, io tifavo per Brokeback Mountain pero qualsiasi altro film in lista sarebbe stato più comprensibile come vincitore invece questo. E' un film buono ma non da Oscar e sicuramente non migliore di Brokeback, Munich, Goodnight and Goodluck. Va bè...se Rocky vinse nel 1976 contro Taxi Driver, tutto può succedere a Hollywood.   

March 6, 2006, at 11:15 AM, in Current Affairs | Permalink | Comments (2) | TrackBack

March 04, 2006

Il voto, questo sconosciuto

Leggendo il commento di Jan, mi sono REALMENTE resa conto che, tra poche settimane, potrò votare. Giovedì mi hanno consegnato la carta d'identità italiana e mi hanno informato che, verso la fine del mese, mi arriverà per posta il documento per poter votare. hmmmm....per chi voterò?

Ho qualche idea in testa, voglio dire, la politica mi interessa molto e l'ho sempre seguita attentamente, soprattutto la politica estera. Pero ora cambia tutto. Ora che posso veramente dare voce in capitolo, pur piccola, ci devo riflettere bene. Negli Stati Uniti, ho sempre votato Democratico e MAI per i Repubblicani. Lo stato del Wisconsin, dove sono nata, è sempre stato dalla parte del partito Democratico anche se tutta la mia famiglia è di destra e negli ultimi 20 anni, ha sempre votato per i Repubblicani. So, now that I'm here in Italy, che fare? Verrebbe naturale votare sinistra. Certo, lavoro nel mondo artistico, sono sensibile ai problemi degli immigrati (io ero una di loro!), non appoggio il potere della chiesa, etc., etc., etc.....ma....non mi va giù come la sinistra italiana abbia sfruttato la guerra in Iraq per mettere il popolo Italiano contro gli Americani. Non mi va giù proprio. Quindi, è un guaio perché votare la destra per me sarebbe impossibile. Poi, dopo avere visto lo spettacolo di Grillo l'altra sera...figurati! Il partito di Berlusconi non esiste! A parte il fatto che, per me, essendo nata negli Stati Uniti, il conflitto di interesse non lo potrei mai accettare. Da noi, sarebbe impossibile una situazione come qui in Italia. Non abbiamo una televisione di stato, un quotidiano di stato, etc. Quindi, Berlusconi è fuori dalle mie scelte. Certo, ci sono altri partiti di destra.  Quelli che sfruttano la religione per avere voti, mi fanno schifo. Si, quelli che devono aggiungere 'cristiani' da qualche parte... questo per me è inaccettabile. Fini parla bene ed è un uomo molto intelligente, pero.... ah si, c'è un grande 'pero'...   

Ho parlato del messaggio di Jan perché lui ha nominato un partito che mi è sempre stato simpatico, quello dei Radicali. Anche se sono stati sia con la destra che con la sinistra, trovo una certa coerenza nella loro politica...poi, non odiano gli Americani per delle scelte dell'attuale governo. Per me questo è importante. Pero...(si, dannazione, c'è sempre un 'pero' di mezzo!), votassi per loro non sarebbe un voto 'buttato via', ossia, un voto che non 'serve'?

Aiutatemi. Devo votare in Italia per la prima volta e la scelta non è ovvia. Non è una cosa che si tramanda da padre a figlio, non è come nascere Interista e, nel bene o nel male, ti rimane per tutta la vita. Questa è una cosa seria.

What do you think?   

March 4, 2006, at 01:58 PM, in Politics | Permalink | Comments (8) | TrackBack